Come coltivare il peperoncino: guide e consigli

Terriccio per il peperoncino

La scelta del terriccio è fondamentale per la crescita corretta e sana del peperoncino e delle piante in genere. Inoltre un buon terriccio permette di far arrivare tutti i nutrienti essenziali alla pianta che cresce forte e vigorosa. Il periodo per la semina varia dal sud al nord Italia, se nel sud Italia si può iniziare a piantare i primi semi verso la metà di marzo, quando la temperatura notturna non scende sotto i 5 – 10 C,° , al nord possiamo attendere il mese di aprile per la semina. Diversamente si può optare per la coltivazione del peperoncino indoor. Si tratta di una tecnica che consente la crescita delle piantine in un ambiente controllato con luci artificiali.

Consigli sull’acquisto del terriccio

Il terriccio da scegliere deve essere morbido e di grana fine, in modo da non fungere da ostacolo alla crescita delle radici nei primi mesi di vita.

Caratteristiche di un buon terriccio:

  • leggerezza
  • la percentuale di torba deve essere moderata perchè il peperoncino preferisce il PH leggermente acido.
  • giusto PH è di 5.5, ma è ammessa una variazione che va da 4.5 a 6.5 PH.

Per coltivare il peperoncino bisogna scegliere un terreno fertile, ricco di sostanze organiche sciolto e non troppo compatto, miscelato con materiale inerte per favorire il drenaggio dell’acqua.

Se il terriccio ha un potere drenante scarso, è possibile aggiungere al composto perlite – pomice – vermiculite, è consigliata l’argilla espansa se coltivate nei vasi.

Il terreno argilloso e torba è consigliabile evitarli, perchè si compattano troppo dopo l’innaffiatura e di conseguenza soffocano le radici.

La temperatura ottima per la germinazione varia dai 20 °C ai 30 °C, più è bassa la temperatura, più tempo ci vorrà per la germinazione.

Se la temperatura sarà mantenuta costantemente 24 ore su 24 Sopra i 20°C la germinazione avverrà in 3 o 4 settimane circa.

Lascia un commento